cibo e salute, un binomio inscindibile



Un corretto regime alimentare è alla base di una vita in salute: secondo l’OMS circa 1/3 delle malattie cardiovascolari e dei tumori possono essere evitati grazie a una equilibrata e sana alimentazione.

Il legame tra cibo e salute è noto da tempo: già Ippocrate nel 400 A.C. diceva “Fa’ che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo” e, avvicinandoci alla nostra epoca, possiamo citare Feuerbach, filosofo del XVIII secolo, con la sua famosa frase “L’uomo è ciò che mangia” e lo scrittore Oscar Wilde, che diceva “Quando si intende condurre una vita nuova occorrono pasti regolari e sani”.

Un’alimentazione inadeguata oltre a incidere negativamente sul benessere psico-fisico, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per l’insorgenza di numerose patologie. Sappiamo che una delle conseguenze di un’alimentazione squilibrata è l’obesità e la correlazione tra obesità e malattie croniche (come malattie cardiovascolari, diabete e cancro) è ormai accertata.

È importante mantenersi normopeso sin da piccoli e per l’intera durata della vita: essere sovrappeso durante l’infanzia e l’adolescenza aumenta le probabilità di essere in futuro un adulto obeso.

Il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (WCRF) ha riconosciuto la stretta relazione tra stili di vita non corretti (alimentazione squilibrata, fumo, alcol, sedentarietà) e alcuni tipi di tumore.

Ma tra i problemi legati all’alimentazione c’è anche il paradosso della malnutrizione del terzo millennio ossia l’associazione di malattie metaboliche “da eccesso” (diabete, iperlipemie, ecc) con patologie carenziali (carenza di vitamina D, calcio, vitamina E, vitamine del gruppo B): spesso ci troviamo quindi di fronte a “obesi malnutriti”, con carenze nutrizionali che compromettono la salute e aumentano il rischio di malattie croniche.

Quali sono quindi le indicazioni alimentari da seguire per mantenersi in forma e in salute?

Albert Einstein, fisico e filosofo tedesco affermava “Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla Terra quanto l’evoluzione verso una dieta vegetariana”. Per vivere meglio e più a lungo bisognerebbe infatti impostare la propria alimentazione su una base vegetale, consumando quotidianamente almeno due porzioni di verdure (crude o cotte) e una o due porzioni di frutta, scegliendo prodo